Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di cennino cennini. 5



Capitolo V.

A che modo cominci a disegnare in tavoletta, e l’ordine suo.


Sì come detto è, dal disegno t’incominci. Ti conviene avere l’ordine di poter incominciare a disegnare il più veritevile. Prima, abbi una tavoletta di bosso, di grandezza, per ogni faccia, un sommesso; ben pulita e netta, cioè lavata con acqua chiara; fregata e pulita di seppia, di quella che gli orefici adoperano per improntare. E quando la detta tavoletta è asciutta bene, togli tanto osso ben tritato per due ore, che stia bene; e quanto più sottile, tanto meglio. Poi raccoglilo, tiello, e conservalo involto in una carta asciutta: e quando tu n’hai bisogno per ingessare la detta tavoletta, togli meno di mezza fava di questo osso, o meno; e colla sciliva rimena questo osso, e va’ distendendo con le dita per tutta questa tavoletta; e innanzi che asciughi, tieni la detta tavoletta dalla man manca, e col polpastrello della man ritta batti sopra la detta tavoletta tanto, quanto vedi ch’ella sia bene asciutta. E viene inossata igualmente così in un loco come in un altro.


Capitolo VI.

Come in più maniere di tavole si disegna.


A quel medesimo è buona la tavoletta del figàro ben vecchio: ancora certe tavolette le quali s’usano per mercatanti; che sono di carta pecorina ingessata, e messe di biacca a olio; seguitando lo inossare con quello ordine che detto ho.


1*