Pagina:Chi l'ha detto.djvu/204

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 Chi l’ha detto? [575-578]
Ma pur troppo col mutarsi dei tempi anch’essa tende a scomparire:

575.           Ah! il n’y a plus d’enfants.1

tutti ripetono dopo che Argan nel Malade imaginaire di Molière (a. II, sc. 8) lo ha detto per la prima volta, e ne ha creato quasi un proverbio.

Quei bambini, che prima facevano la delizia delle nostre case con le loro ingenue grazie, sono oggi quasi tutti diventati, inconsciamente o no, degli

576.   Enfants terribles.2

come soglionsi chiamare con frase usata per la prima volta in una delle comiche composizioni di Gavarni. Veramente se i bambini diventan terribili, molte volte lo si deve ascrivere non a soverchia malizia, ma alla nessuna esperienza del mondo e delle sue leggi naturali ed artificiali. Il vivere sociale e la sua educazione non ha corretto in essi alcuno degli ingeniti istinti della bestia umana; perciò La Fontaine, che poco amava i ragazzi, scrisse di loro che:

577.            .... Cet âge est sans pitié.3

in una delle sue favole più deliziose, Les Deux Pigeons (liv. IX, fable II, v. 54).

In tempi eccezionali vedremo i fanciulli superare in senno e in audacia gli anni loro, ed è allora che

578.            I bimbi d’Italia
         Si chiaman Balilla.

come è detto nell’Inno di Goffredo Mameli (str. 4); è allora che essi intoneranno quel popolarissimo inno di cui la prima strofa dice:

  1. 575.   Ahi, non ci sono più fanciulli!
  2. 576.   Fanciulli terribili.
  3. 577.   Quella età è senza pietà.