Pagina:Chi l'ha detto.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
214 Chi l’ha detto? [680-681]


Una tale politica però non possono farla che delle nazioni forti. L’Inghilterra una volta si vantava del suo splendido isolamento, ma anch’essa ha trovato necessario di uscire dal suo riserbo, di concludere delle alleanze, e di scendere in campo accanto alla sua forte vicina, con la quale da anni aveva inaugurato una

680.   Entente cordiale.1

che è frase antica per denotare le relazioni amichevoli che anche altre volte sono corse fra la Francia e l’Inghilterra. Secondo alcuni fu Riccardo Cobden il primo a farne uso: secondo altri essa è molto più vecchia: «Lord Aberdeen.... made use of the words entente cordiale as expressive of the relations of the two Governments» (Thirty Years of Foreign Policy, by the author of «The Right Hon. B. Disraeli» London, 1885, pag. 347).

Ancora poche frasi sulla politica ecclesiastica (che nel nostro paese ha specialissima importanza) e ho finito. La migliore delle politiche in questo argomento è espressa nell’aforisma:

681.   Libera Chiesa in libero Stato.

rimasto famoso anche perchè si disse essere stato pronunziato da Cavour moribondo. «La mattina del giovedì 6 giugno (1861) — così scrive il Massari (Il Conte di Cavour, ricordi biografici, 2a ediz., Torino, 1875, pag. 434) — il pietoso frate accorse a consolare l’agonia del grande uomo con le ultime benedizioni della religione. Il moriente lo riconobbe e stringendogli la mano gli disse: Frate, libera Chiesa in libero Stato. Il sublime disegno allegrava la sua agonia. Furono le sue ultime parole. Alle ore sei e tre quarti di quella mattina il conte Camillo di Cavour mandava l’ultimo respiro.» Ma altri smentì questo racconto. Il march. Emanuele Taparelli D’Azeglio così scriveva il 20 febbraio 1890 alla Gazzetta Piemontese di Torino (num. del 20-21 febbraio 1890) in risposta a un articolo pubblicato il giorno precedente col titolo: La formula di Cavour: «L’articolo di ieri nella Gazzetta Piemontese mi ha fatto ricordare di due cose. La prima che avendo chiesto alla marchesa Alfieri mia cugina se realmente le ultime parole pronunziate dal


  1. 680.   Intesa cordiale.