Pagina:Codifica numerica del segnale audio.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 Codifica numerica del segnale audio


  (7.5)

Tali relazioni sono esprimibili in frequenza come

  (7.6)

In ricezione le sequenze vanno interpolate, innanzitutto inserendo campioni nulli al di fuori degli istanti di campionamento

  (7.7)

e poi interpolando la nuova sequenza tramite un filtraggio numerico passa basso con frequenza di taglio corrispondente all'ampiezza della sottobanda

  (7.8)

Tale relazione in frequenza è pari a

  (7.9)

Per i dettagli implementativi sulla struttura dei filtri necessari per la conversione della frequenza di campionamento si rimanda in [Appendice D].

Il ricampionamento, grazie alle repliche da esso introdotte, esegue automaticamente la necessaria traslazione del segnale nell'intorno dell’origine. Infatti, è sufficiente eliminare le repliche non necessarie tramite un filtro passa basso con frequenza di taglio ωB. C’è, però, da tener presente che, a secondo che si consideri una sottobanda di ordine pari o dispari, la decimazione fornisce una sua replica esatta o rovesciata nell'intorno dell’origine (fig. 7.4). Nel