Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


De Falconi j&c. 47 ùres, che fe ilfalcone ammat&apcrauentura nel giorno di hoggi l’airone,& ep afciuto di ejffo pafiojlqualeèdi granif finta digeSiiones,non cornitene per alcun modo farlo ’volar nel giorno di domani: perchè, non effendo ben al’ordinai potrebbe far qualche ’viltade-*, & ’vi farebbe poifatica-» a farlo ritornar tn ceruello, & in quella buona intentione. nè bifogna, che, mentre fi ha mejfo in ^uccello per l’airone-*» fi faccia ’volare a qual fi’voglia altra forte di r volo:perchè ancofacil cofa farebbe a leuarlo da quell’animo generofo,con che è fatto capitai nemico dieffo animale. ansq fe fi <vedeffiyche, mentre, ilfalcone combatte L’.airone-*, egli, ’veduto pajjarfi fitto qualche amtra,o altro nuccello, cadendo ad efi fio njccello» lafciafie l’imprefa de l’airone-* 3 fà mejherogettargli[abito lo ficar am affo,ir,pigliato il falcone per li piedi, incapellarlo con di fila cere, a ciò ch’egli s’auegga de l’errore, c’hà fatto lafiiando la maggiore per la minore mprefa. & m quejìo modofi deue tenerlo ne l’bum or e,&penfiero di battere m detto tempo per nemico filo l’airone._>. & queflo è il tnodofch’io ho tenuto a far buoni 1falco ni a l’<vna ì & a l’altra caccia _3. Quanto poi a i falconi fori,che ’vengono prefi dal primi Falconi fo pio del pajjaggio,che comincia da la fine del me fi di Settem condititi bre fino a Natale (parlo de’pellegrini) ejfifino antmofi, & ’vanno facilmente a l’airone -*, come comincia poi il mefidi gii perfetGennar0,1 falconi,chefipigliano da indi in poi,fino chiama - n * U mararoli,&per la brina, che continuamente in campagna gli ha tocchi, hanno fatta lapenna più bianca, & fono