Pagina:Collezione d'opuscoli scientifici e letterarj 4.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

101
Sonetti XIV. sopra il Pater noster fatti dal Sig. Dottore Anton Maria Salvini il giorno dell’Ascensione l’anno 1721. nel tempo della sua gotta, per divozione del giorno, e per alleggerimento di quella.


SONETTO I.


Pater noster qui es in Coelis.


Padre del Ciel tua stirpe siam quì in terra,
     E te riconosciam Padre immortale:
     Che il tesor ci donasti, che il mortale
     4Vaso terrestre in se racchiude, e serra.

L’Alma per Te venne tempesta, e guerra
     A soffrir quì; per poi, desta sull’ale,
     Del suo corpo spogliata oscuro, e frale
     8Tornar al Padre, ch’a lei il Ciel disserra.

Al Padre suo, del Padre suo nel grembo,
     Che a braccia aperte lei aspetta, e chiama
     Qual favorita sua diletta figlia.

12Aprasi, onde se’ chiusa, il fosco nembo,
     O alma, e desta in te la natia brama
     Che al Padre tuo d’unirti ti consiglia.