Pagina:Collodi - Le avventure di Pinocchio, Bemporad, 1892.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 108 —


guita sempre. Se fossi stato un ragazzino per bene, come ce n’è tanti; se avessi avuto voglia di studiare e di lavorare, se fossi rimasto in casa col mio povero babbo, a quest’ora non mi troverei qui, in mezzo ai campi, a fare il cane di guardia alla casa di un contadino. Oh se potessi rinascere un’altra volta!... Ma oramai è tardi e ci vuol pazienza!... —

Fatto questo piccolo sfogo, che gli venne proprio dal cuore, entrò dentro il casotto e si addormentò.