Pagina:Colpo d'occhio a Roma.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21

hanno teste di leoni. — Ai lati del portico di S. Pietro esistono due superbe Fontane uniformi, disegno del Bernini, alte palmi 35, le quali gettano 300 once di perenne acqua ciascuna alla sommità di 25 palmi, e ricade l’acqua in una tazza rotonda di un sol pezzo di granito orientale, poi in altra tazza di travertino. — Altra nuova Fontana fra due colonne joniche con bella tazza di marmo, da cui zampilla in alto copioso getto dell’acqua Paola, con sotto due delfini che gettano pure acqua, è nella Piazza Pia a principio di Borgo nuovo. — In Piazza di Spagna una fonte è detta della Barcaccia, perchè a forma di barca; ed altra bella Fontana è nella Piazza della Bocca della Verità; altra nella Piazza della Madonna de’ Monti; ed altra nel mezzo della Piazza di S. Maria in Trastevere. — Ma la grande Fontana sul Giannìcolo, detta di S. Pietro in Montorio, o Fontana Paolina, ovvero i Fontanoni, che giace sul punto più elevato di Roma, da cui si ammira tutta la magnifica sottoposta Capitale, per l’abbondanza delle sue acque, non esiste in verun’altra parte del mondo. È costruita di marmi con colonne di granito d’ordine jonico, e con aquile, e draghi di bronzo che rappresentano lo stemma di PAOLO V che fecela costruire nel 1612. Vi sono 5 archi, dai 3 grandi