Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/300

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
256 i n f e r n o   ix. [v. 49-54]

Medusa, e la sua allegoria ovvero moralità. Dicono adunque che Forco re d’Africa, nelle parti occidentali, ebbe tre figliuole; che l’una ebbe nome Stenio, l’altra Euriale, l’altra Medusa; queste tre sorelle non aveano se non un occhio, et avvicendevolmente l’una lo prestava all'altra. Morto Forco in mare, benché secondo la fizione diventò ldio marino, con tutto lo suo esercito col quale annegò in mare, rimase Medusa, la quale era la maggior figliuola, donna del regno; Nettuno ldio del mare s’innamorò di lei e viziolla nel tempio di Pallade, e pertanto Pallade corrucciata contra di lei, perchè contra Nettuno ch'era suo fratello non potea pigliar vendetta, li fece li capelli serpentini, e diede che chiunque la vedesse diventasse pietra, onde costei avea già molti uomini convertiti in pietra. Quando la fama sua pervenne a Perseo figliuolo di Danae, figliuola d’Acrisio re d’Asia, e di Giove, onde li venne voglia di torre sì fatto mostro del mondo, e domandò consiglio, et aiuto dalla sua suora Pallade dea della sapienzia, et ella li prestò il suo scudo ch’era di cristallo, e Mercurio li prestò la sua spada ritorta come una falce, e andossene nel regno di Medusa accompagnato da Pallade. La quale lo ammaestrò che andasse a dietro e guardasse 1 nello scudo, acciò che non vedesse Medusa e che non sè mutasse in sasso, e così andando la vide nello scudo, e quando fu presso a lei vedendo che prestava l’occhio alla sorella, parò la mano, e tolselo loro, e poi a lei che dormia; cioè Medusa, puose la spada in sul collo e tirò, e segolle il collo; e prese lo capo co’ capelli serpentini in mano, non mirandolo, e del sangue di Medusa nacque uno cavallo alato che li poeti chiamano Pegaso. Allora montò Perseo su quel cavallo e venne nel regno del re Atlante; e perchè non lo volle onorare primamente quando li venne a casa, mostrollo 2 questo capo e fecelo diventare sasso; e perchè era gigante diventò uno monte. E partitosi di quivi venne con questo cavallo in sul monte Parnaso che è in Grecia, e raspando la terra nacque una fonte la quale si chiama la fonte delle muse, e lo capo di Medusa donò alla sorella Pallade, et essa poi lo pose nel suo scudo, con certi ingegni, e cosi sempre lo portò poi nel petto.
     Ora per questa fizione molti intendono una istoria che Medusa fosse reina, come è detto; e che avesse uno occhio con le sue sorelle, perchè erano d’una bellezza; e li capelli serpentini ebbe ella, perchè fu più astuta che l’altre; e diceasi mutare li uomini che la guardavano in sasso, perchè diventano stupidi per la sua bellezza. Perseo fu uno re di Grecia, che udita la sua ricchezza, andò per vincerla et acquistare il suo regno, e così li venne fatto: e perchè il re

  1. C. M. et avvisasse
  2. C. M. mostrolli