Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

C A N T O   II.





1Lo giorno se n’andava, e l’aer bruno
     Toglieva li animai che sono in terra,
     Da le fatiche loro; et io solo uno
4M’apparecchiava a sostener la guerra,
     Sì del cammino, e sì della pietate,
     Che ritrarrà la mente che non erra.
7O Muse, o alto ingegno, or m’aiutate:
     O mente che scrivesti ciò ch’io vidi,
     Qui si parrà la tua nobilitate.
10Io cominciai: Poeta, che mi guidi,
     Guarda la mia virtù, s’ell’è possente,
     Prima ch’all’alto passo tu mi fidi.
13Tu dici che di Silvio lo parente,
     Corruttibile ancora, ad immortale
     Secolo andò, e fu sensibilmente.
16Però se l’avversario d’ogni male
     Cortese fu, pensando l’alto effetto,
     Ch’uscir dovea di lui, e il chi, e il quale,
19Non pare indegno ad uomo d’intelletto;
     Ch’ei fu dell’alma Roma e di suo impero,
     Nell’empireo Ciel per padre eletto: