Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/242

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
     230 p a r a d i s o   vii. [v. 25-39]   

l’avesse posto per sua cortesia nella beatitudine. All’altro dubbio si risponde che iusta cosa fu che per lo peccato dei primi parenti fusse dannata tutta la prole: imperò che, sì come per l’obedienzia di loro due meritevilmente si conserva l’umana natura senza morte corporale in quelle delizie del paradiso terresto a la beatitudine eterna, quando Iddio avesse voluto; così fu iusto che per la disobedienzia di lor due l’umana natura perdesse quello che arebbe guadagnato per la loro obedienzia; cioè lo stato in che erano d’innocenzia nel quale poteano morire e venisse nella ruina della nocenzia e non potesser non morire: e come per la loro obedienzia meritava di vedere Iddio; così per la loro disubedienzia perdesse di vedere Iddio: e come era abile a conservarsi nello stato della innocenzia, nel quale se colla obedienzia fusse stato fermo, Iddio l’arebbe confermato per grazia; così diventasse abile a cadere nella colpa, perduta la grazia di Dio per disobedienzia, dalla quale diventò abile a cadere nella colpa, nella quale cadendo merita la pena punitiva, la quale l’uomo merita per lo suo proprio peccato, ch’elli commette: imperò che per lo peccato originale non à, se non la pena privativa, se muore in quello come li piccoli: come arebbono la beatitudine per l’obedienzia dei primi parenti; così sono privati di quella per la disobedienzia. Unde l’umana spezie; cioè per lo quale peccato d’Adam tutta la spezie umana, inferma giacque Giù; cioè nel mondo: imperò che dopo ’l peccato, incontenente Iddio cacciò Adam et Eva di paradiso delitiarum, stette inferma: imperò che furno fatti più abili al male che al bene; come l’uomo che ene infermo è più abile ad iacere che ad andare; così l’uomo, ferito per lo peccato originale nella libertà dello arbitrio, fu fatto abile più a male che al bene, per seculi molti; cioè per anni 5232 che sono 52 centinaia d’anni e 32, et ogni cento anni si chiama uno seculo; dunqua ben furno molti seculi, in grande errore; imperò che nessuno andava a vita eterna, e nessuno popolo onorava debitamente Iddio, se non lo iudaico, benchè molte volte errasse, e de’suoi errori fusse punito aspramente, Fin ch’al Verbo d’Iddio; cioè che al Figliuolo di Dio, discender piacque; cioè venire di cielo in terra e pigliare carne umana, U; cioè nel qual luogo, cioè in terra, la natura; cioè umana, che; cioè la quale natura, dal suo Fattore; cioè Iddio, S’era lungata; cioè rimossa e dilungata quanto a luogo e quanto a la grazia, unio a sè; cioè lo Verbo Divino coniunse a sè la natura umana, in persona; cioè nella sua persona tanto; imperò che se la persona del Figliuolo prese carne umana e diventò uomo, e non la persona del Padre nè de lo Spirito Santo, et essa co l’umanità fu una persona e non due persone, Coll’atto sol; cioè coll’atto solamente e non con altro, del suo eterno Amore; cioè de lo Spirito Santo: im-