Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/502

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   490 p a r a d i s o

49Questo si vuole, e questo già si cerca,
     E tosto verrà fatto a chi ciò pensa
     Laddove Cristo tutto si commerca.1
52La colpa seguirà la parte offensa
     In grido, come suol; ma la vendetta
     Fi’ testimonio al ver, che ella dispensa.2
55Tu lascerai ogni cosa diletta
     Più caramente; e questo è quello strale,
     Che l’arco de l’esilio pria saetta.
58Tu proverai siccome sa di sale
     Lo pane altrui, e com’è duro calle
     Lo scender e salir per l’altrui scale.3
61E quel, che più ti graverà le spalle,
     Serà la compagnia malvagia e scempia,
     Co la qual caderai in questa valle,4
64Che tutta ingrata, tutta matta et empia
     Si farà contra te; ma poco appresso
     Ella, non tu, n’ avrà rossa la tempia.5
67Di sua bestialità il suo processo
     Farà la prova, sicch’a te fi’ bello
     Averti fatto parte per te stesso.
70Lo primo tuo refugio e ’l primo ostello
     Serà la cortesia del gran Lombardo,
     Che in su la Scala porta il santo uccello.
73ch’avrà in te sì benigno riguardo,
     Che del fare e del chieder tra voi due
     Pria sarà quel, che tra li altri è più tardo.6

  1. v. 54. C. A. tutto dì si merca.
  2. v. 54. C. A. che la
  3. v. 60. C. A. Lo scendere e il salir
  4. v. 63. C. A. tu cadrai in
  5. v. 66. C. A. avrà rotta
  6. v. 75. C. A. Fia prima quel,