Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/545

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


C A N T O     XIX.





1Parea dinanzi a me con l’ali aperte
     La bella image, che nel dolce frui 1 2
     Liete facean l’anime conserte:3
4Parea ciascuna rubinetto, in cui
     Raggio di Sole ardesse sì acceso,
     Che ne’ miei occhi rifrangesse lui.
7E quel, che mi convien ritrar testeso,4
     Non portò voce mai, nè scrisse onchiostro,5
     Nè fur per fantasia giammai compreso:
10Ch’ io vidi, et anco udi’ parlar lo rostro,
     E sonar ne la voce et Io e Mio,
     Quando era nel concetto Noi e Nostro.
13E cominciò: Per esser iusto e pio
     Sono io qui esaltato a quella gloria,6
     Che non si lascia vincer al disio;7
16Et in terra lassai la mia memoria
     Sì fatta, che le genti lì malvage
     Commendan lei; ma non seguen la storia.

  1. v. 2. e 21. Image, terminato in e per uniformità di cadenza, come compage ec. E.
  2. v. 2. Frui, infinito alla maniera latina, della quale ci forniscono talora esempi i nostri padri, come esse, velle e somiglianti E.
  3. v. 3. C. A. faceva
  4. v. 7. C. A. trattar testeso,
  5. v. 8. C. A. inchiostro,
  6. v. 14. C. A. Sono esaltato qui a
  7. v. 15. C. A. vincere a disio;