Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/684

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
     672 p a r a d i s o   x x v . [v. 13-27]

nella mia città, et in sul fonte Del mio battismo; cioè in Santo Ioanni, dove io fui battizato, prenderò ’l cappello; cioè laurea della poesi, come pigliano li Poeti quando s’incoronano. Però che nella Fede; ecco che assegna la cagione, per che assegna che sarà la sua tornata con migliore voce, o vero con altra voce e con altro vello; cioè imperò che nella Fede; cioè che lo cristiano debbe portare a Dio, che; cioè la quale fede, fa conte; cioè fa manifeste, l’anime a Dio; cioè l’anime che l’anno: imperò che quell’a ninfee, che sono fedeli, Iddio àe per sue et accettale, quivi; cioè in quello luogo, cioè in Santo Ioanni, entra’io; cioè io Dante entrai in Santo Ioanni nella fede, quando fui battezzato: quello è l’entramento che l’anima fa nella fede, cioè lo battismo, e poi; cioè in cielo, come detto è di sopra, Pietro; cioè santo Piero, per lei; cioè per la fede nella quale me esaminò, come detto è, sì mi girò la fronte; cioè tre volte roteò sopra me, come fu detto di sopra, che 1 significò uno confermare et approvare Dante per fidele cristiano.

C. XXV — v. 13-27. In questi cinque ternari lo nostro autore finge come poi si parti santo Iacobo del cerchio, nel quale era, e venne a lui; e come Beatrice liel mostra e 2 fallielo manifesto; e come si congratulò con santo Piero, che prima era venuto, come detto fu di sopra, dicendo così: Indi; cioè poi che san Piero mi girò intorno tre volte, si mosse un lume; cioè di quelli, che erano in cerchio, verso noi; cioè verso Beatrice e me, Di quella spera, cioè di quel tondo, o vero cerchio, unde; cioè del quale, usci la primizia; cioè colui che fu primo de li vicari, che Cristo lasciò dopo sè; e però, Che; cioè la quale primizia, cioè autorità e maggioria, lassò Cristo; cioè io nostro Signore Iesu Cristo, nei vicari suoi; cioè in coloro che sono vicari di Cristo, che portano l’ufficio del papato. E la mia donna; cioè Beatrice, piena di letizia; però che godeva della beatitudine de’santi, mi disse; cioè disse a me Dante: Mira, mira; cioè guarda, guarda 3 chi viene, ecco ’l Barone; cioè santo Iacopo, Per cui; cioè per lo quale, laggiù; cioè nel mondo, si visita Gallizia; cioè si va a la chiesa sua che è in Gallizia, e questo fu santo Iacopo maggiore. Siccome quando ’l colombo si pone Presso al compagno; ecco che fa una similitudine che, come l’uno colombo fa festa a l’altro, quando si pognano presso l’uno a l’altro; così feceno li due beati spiriti, cioè santo Piero e sauto Iacopo; e però dice: Siccome quando ’l colombo si pone Presso al compagno, l’uno all’altro pande, Girando e mormorando; insieme l’uno a l’altro, l’affezione; cioè l’amore, che

  1. C. M. che fu un confermare
  2. C. M. mostra e come si fue festa con san Piero,
  3. C. M. guarda; et è conduplicazione, colore retorico che si fa per grazia d’amplificazione e di maggiore attenzione, ecco