Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/328

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


C A N T O     XIV.

___________


1Chi è costui che il nostro monte cerchia,
     Prima che morte li abbia dato il volo,
     Et apre li occhi a sua vollia e coperchia?
4Non so chi sia; ma so che non è solo:
     Dimandal tu, che più li t’avvicini;
     E dolcemente, sì che parli a colo.1
7Così du spirti, l’uno all’altro chini,
     Ragionavan di me in ver man dritta,2
     Poi fer li visi, per dirmi, supini.
10E disse l’uno: O anima, che fitta
     Nel corpo ancor in ver lo Ciel ten vai,3
     Per carità ne consola, e ne ditta4
13Unde vieni, e chi se’: che tu ne fai
     Tanto meravilliar de la tua grazia,
     Quanto vuol cosa che non fu più mai.5
16Et io: Per mezza Toscana si spazia6
     Un fiumicel che nasce in Falterona,
     E cento millia di corso nol sazia;

  1. v. 6. Singolare è questa lezione dei nostri Codici, accettata pure dall’Editore romano, mentre la comune dà - sì che parli, accolo - la quale così vorrebb’ essere dichiarata: Accolo; accogli lui, da accoro o accorre. E. — C. A. accòlo.
  2. v. 8. C. A. di me a man diritta,
  3. v. 11. C.M. C. A. in.verso il Ciel
  4. v. 12. Ditta; dì, dall’infinito dittare, e codesto dal dictare latino, che vale pure andar dicendo, insegnare, mostrare. E.
  5. v. 15. C. M. non fu già
  6. v. 16. C. A. mezzo