Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/351

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


C A N T O     XV.

___________


1Quanto tra ’l ultimar dell’ora terza
     E ’l principio del di’ par de la spera,
     Che sempre, a guisa di fanciullo, scherza.
4Tanto parea già in ver la sera
     Esser al Sol del suo corso rimaso:
     Vespro era là, e qui mezza notte era;1
7E i raggi ne ferian per mezzo naso,
     Perchè per noi girato era sì ’l monte,
     Che già dritti andavam in ver l’ occaso;
10 Quando senti’ a me gravar la fronte
     A lo splendor assai più che di prima,
     E stupor m’ eran le cose non conte;
13Ond’ io levai la mano in ver la cima
     De le mie cillia, e fecimi solecchio,
     Che del soverchio visibile lima.
16Come quando da l’ acqua o da lo specchio2
     Salta lo raggio all’ opposita parte,
     Salliendo su per lo modo parecchio3

  1. v. 6. C. A. Vespero là,
  2. vv. 16-20. Qui manifestasi la dottrina dell’Allighieri intorno alla legge fondamentale della Catottrica. E.
  3. v. 18. Parecchio; pareglio, equivalgono a pari, simile, e discendono da parilis latino. Così dicesi specchio, speglio; vecchio, veglio. E.