Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/420

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   410 p u r g a t o r i o [v. 133-139]

fa al proposito, e questo è l’ amor disordinato de le cose mondane, Di sovra noi si piange per tre cerchi; cioè si purga ne’ tre gironi li quali sono a montare; cioè nel primo l’ avarizia ch’ è inverso li beni de la fortuna; nel secondo la gola ch’ è inverso li diletti del gusto; nel terso et ultimo la lussuria ch’ è inverso le cose dilettevili, massimamente carnali. Ma come tripartito si ragiona; cioè ma come sia diviso in tre spezie, Tacciolo; io Virgilio, acciò che tu; cioè Dante per te ne cerchi; cioè per la tua sensualità lo consideri e dividilo. Bene dice l’ autore, fingendo che Virgilio dica così: imperò che ’l bene perfetto e sommo non è sensibile; ma intelligibile, e però Virgilio, che significa la ragione, l’ àe dichiarato che la sensualità non n’ aggiungea 1; ma questo bene imperfetto è bene sensibile, et a questo bene adiunge la sensualità, e però àe finto che Virgilio lo taccia acciò che la sensualità lo consideri e dividalo. E però volendolo dividere si dè dividere così: lo bene imperfetto sensibile o elli è tale che muove tutti li sentimenti, o è tale che ne muove pur uno. Se è lo primo, o è in desiderio tanto, o è in operazione e desiderio. Se è pure in desiderio, et a quello si stenda l’ amor disordinato, allora cagiona l’ avarizia; s’ elli è in desiderio et operazione, et a quello intende l’ amor disordinato, allora cagiona la lussuria; s’ elli è lo secondo è tale che muove pur uno senso tanto; cioè lo gusto, et a quello si stende l’ amor disordinato o con desiderio o con opera, o con l’ uno e l’ altro insieme; allora cagiona la gola. E perchè in più modi non si può dividere, non sono più; e perchè l’ avarizia muove tutti li sentimenti e sta nel desiderio e non seguita bene niuno, però la puose l’ autore di sotto a la gola et a la lussuria 2; perchè per la gola non seguita tanto bene, quanto per la lussuria: imperò che non ne seguita se non lo conservamento del proprio subietto, però la puose di sotto a la lussuria; e perchè per la lussuria seguita lo conservamento de l’ umana specie, ch’ è maggior bene che d’ uno individuo, però la puose di sopra a tutti. Potrebbesi anco pilliare questa divisione in questa forma; lo bene imperfetto, in che può intendere l’ amore disordinatamente, o è utile o è dilettevile: se è utile, quinde si cagiona l’ avarizia; se è dilettevile, o è pure dilettevile ad uno sentimento o a più; se pur ad uno; cioè al gusto, è la gola; se a più, è la lussuria. E questo s’ intende quando lo detto bene s’ ama con più cura che non dè; ma quando s’ ama con meno cura che non si dè, sono altri peccati dei quali non s’ intende ora dall’ autore di dimostrare quive, perchè non sono a suo proposito; et anco possano essere sotto queste specie, come appare de la prodigalità ch’ è sotto l’ avarizia. E qui finisce il canto xvii, et incomincia lo canto xviii.

  1. C. M. non v’ aggiungea
  2. C. M. lussuria; e perchè