Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/617

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   [v. 100-108] c o m m e n t o 607

zione del dubbio, dicendo: Però che quinde; cioè da la forma corporea aerea, à possa sua paruta; cioè sua apparenzia lo spirito, e l’anima separata dal corpo carneo, È chiamala ombra: imperò che, come l’ombra appare et è impalpabile; così l’anima appare in quil corpo aereo et è impalpabile; e per questo fingeano li Poeti che l’ombre di tutti li animali, che erano nel mondo, fusseno ancora appo l’infernali: imperò che ogni corpo fa impressione nell’aire, e però fingeano che se l’ anime andavano in celo, la impressione corporale nell’ aire andava a l’infernali, e quinde; cioè e di sì fatta materia aerea, organa poi; cioè forma poi l’anima li organi; cioè li strumenti, Ciascun sentir; cioè ciascuno sentire, infine a la veduta; cioè infine alli occhi che sono organo visuale. E così dice che l’anima forma in quello corpo aereo tutti li sentimenti e li organi loro; ma non li organi vegetativi, come è stomaco ec., che non si chiamano organi; ma membri vitali: però che non li sono bisogno. Quindi; cioè da quelli organi dei sentimenti così formati, come ditto è, parliamo; cioè noi anime, e quinde; cioè da quelli organi, ridiam noi; cioè anime separate dal corpo, Quinde; cioè con sì fatti organi, e da sì fatti organi, facciam le lagrime e i sospiri; cioè noi anime, Che; cioè le quali, per lo monte; cioè del purgatorio, aver sentito puoi; cioè tu, Dante. Segondo che ci affigono i disiri; cioè li desideri affiggeno noi anime, E li altri affetti; cioè desideri, o vero azioni o vero passioni de le cose presenti; e disiri s’intende de le cose assenti e questi stanno nell’anima, e però dice: l’ombra si figura; cioè si mostra e varia sua paruta, secondo che si mutano li desideri e li affetti dell’anima, E quest’è; ecco che conchiude la soluzione del dubbio; cioè come si possano quelle 1 ombre fare magre ne le loro apparenzie: imperò ch’elle si figurano secondo li desideri et affetti che sono nell’anima 2: è lo desiderio d’avere fatto astinenzia, come li omini di santa vita che non anno se non lo bucchio e l’osso, e così si figurano quelle ombre; e però dice: E quest’è; cioè e questa è, la cagion di che; cioè de la quale, t’ammiri; cioè ti meravilli; e così è soluto lo dubbio. Et è qui da notare che questa fizione è stata necessaria a l’autore, per fare verisimile lo suo poema nel quale àe fitto 3 l’anime parlare, ridere, piangere, cantare, e così dell’altre passioni che àe ditto nel processo suo; e benchè questa sia stata opinione d’alquanti, non è approvata 4 dai santi; ma tegnano che miraculosamente Iddio faccia l’anime passibile 5 dei tormenti, richiedente questo la sua iustizia.

C. XXV — v. 109-120. In questi quattro ternari lo nostro autore

  1. C. M. quelle anime fare
  2. C. M. ne l’ anima, e ne l’anima è lo desiderio
  3. C. M. finto
  4. C. M. è appropriata dei santi
  5. C. M. passibili