Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il matrimonio nel ceto medio 45

nell’ombra, non gravare per questo il suo bilancio di spese inutili, abbandonare l’idea di gareggiare con chi ha maggiori mezzi di lei, e sarà certo più stimata con gran vantaggio della sua pace domestica.

In questa classe più che nelle altre si può dire che gli estremi si toccano, è qui che si trovano le famiglie più tranquille e le più disordinate. Da un lato spese pazze, debiti, miseria in guanti bianchi, discordie in famiglia, disordine e confusione. Dall’altro l’ordine, la pace e la tranquillità, dovuti all’abnegazione, al senno, all’abilità della donna.

Ci sono delle famiglie di artisti, letterati, dottori, negozianti nelle quali ogni cosa è diretta dalla moglie con cure intelligenti: essa pensa a tutto, sa spendere il denaro che le dà il marito, con tanto discernimento che sembra si moltiplichi nelle sue mani. Tiene per sè tutte le piccole noie della famiglia per non distogliere il marito dagli affari, qualche volta lo aiuta e riserba per sè il lavoro più uggioso e ma-