Pagina:Cordelia - Le Donne Che Lavorano.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

III.

La donna nelle officine.

Dovunque è penetrata la civiltà e specialmente dove l’abbondanza d’acqua costituisce una forza da poter utilizzare per l’industria, si sono visti sorgere come per incanto, vasti fabbricati con lunghi fumaioli volti al cielo, con tettoie immense c vaste stanze ingombre di macchine, di utensili, di ruote c puleggie, tutto un organismo messo in movimento da forze potenti; veri tempi del lavoro dove ogni giorno entrano a frotte gli operai uomini e donne che la sera ritornano alle loro case per riposarsi di un lavoro destinato a spargersi per il mondo per sopperire ai