Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 libro quarto

donare la partenza: confidavano,altresì, per via delle loro accuse di fare in guisa che la corte, vedendo che nessuno poteva vivere con quello straniero, lo mandasse finalmente con Dio1. Giungendo a San Domingo, erano sicuri delle buone accoglienze del governatore Ovando, vero idalgo, che detestando l’Ammiraglio, sarebbe lietissimo di saperlo abbandonato da tutti, secondo i suoi meriti.

Diego Porras, che non aveva mai messo piede su di una nave prima di questo viaggio, trovava motivi nautici per giustificare la sua ribellione, dimostrando che l’Ammiraglio invece di venire scioccamente alla Giamaica, poteva molto bene andare dal Capo della Croce ad Hispaniola; e che le ultime avarie tocche alle caravelle, del paro che l’arenamento in quel maledetto porto erano la conseguenza del suo errore e del suo capriccio2. Nondimeno siccome non si poteva recare ad effetto la partenza senza canotto, senz’armi, senza oggetti di cambio; e queste cose non si potevan ottenere che colla forza aperta, vale a dire con un combattimento contro le genti dell’Ammiraglio, lo ch’era un partito estremo, fu deciso di aspettare che spirasse l’anno; e se non giungeva alcuna notizia a quel tempo, il 2 gennaio farebbero il colpo, e partirebbero per la Spagnuola.

Frattanto l’Ammiraglio, occupato dei malati, e pieno di sollecitudine per gli uomini da lui condotti alla ricerca dello stretto, giaceva egli stesso oppresso da patimenti fisici. I suoi dolori articolari tenevalo inchiodato in letto. Avezzo a soffrire, esercitato da lungo tempo alla rassegnazione, non mostrava alcuna impazienza. Un presentimento segreto lo assicurava che Diego Mendez era giunto felicemente: sapeva che il nobile Fieschi sarebbe tornato se lo avesse potuto. Il rifiuto duramente espresso da Ovando di accoglierlo nel momento del pericolo, gli dava anticipatamente la misura della sollecitudine che avrebbe

  1. Il P. Charlevoix, Storia di San Domingo, lib. IV pag. 248.
  2. Questa accusa leggesi nel suo giornale. “La causa desta ida á la Jamaica no hay quien la sepa mas de querelle facer” — Relacion del viage é de la tierra agora nuevamente descubierta por el almirante do Cristobal Colon.