Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/385

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo decimo 365

mere ad un tempo il dono volontario e la gratuità del favore1.

Per non moltiplicare gli esempi, ne riferiremo un solo, quello del principe degli Apostoli, del capo della Chiesa, San Pietro.

Quando il divin Maestro lo vide che gettava, aiutato da suo fratello, le reti nel mare di Galilea, ei si chiamava Simone Barjona. Già questi due nomi riuniti presentavano un significato interessante. Gesù gli disse di lasciar là le sue reti, che lo farebbe pescator d’uomini, ed incontanente, con illimitata obbedienza abbandonò le reti, con cui si buscava il pane. Quantunque ammogliato, e avente a suo carico la suocera inferma, seguì il Cristo, senza la menoma esitazione, senza neppure informarsi del modo con cui avrebbe quindinnanzi sostentato sè e la famiglia.

Questa candida fiducia, questa immediata obbedienza, indizio della rettitudine d’intenzione e della fedele semplicità che distinguono il primogenito degli apostoli, erano maravigliosamente rappresentate dal suo nome Simone Barjona; perocchè in ebraico-siriaco Simone vuol dire che obbedisce, e Barjona figlio della Colomba. Sin da principio il nome di questo oscuro pescatore del mare di Galilea, esprimente obbedienza e semplicità, presagiva, altresì, la primogenitura, poichè la colomba n’era il simbolo2. Ma a questi due nomi il divin Maestro ne aggiunse un terzo, che figura compiutamente il destino del Principe degli Apostoli: lo disse Cefa, che in siriaco significa pietra3, la pietra fondamentale. E tal è la potenza del nome, che, dopo avergli detto a «ti chiamerai Pietra», tu vocaberis Cephas, il Redentore aggiunse «su questa pietra edificherò la mia Chiesa, et super hanc petram œdificabo Ecclesiam meam 4

  1. In linguaggio siriaco Matteo vale che è regalato.
  2. La Colomba, emblema del pacifico messaggio, ricordo dell’area di Noè, era per motivo della sua antichità divenuto l’emblema della primogenitura, e per questo riguardo figurava sulle insegne del primogenito dei popoli, gli Assirii, dai quali, per Arfaxad, Giuda discendeva.
  3. “Tu es Simon, filius Jona: tu vocaberis Cephas quod interpretatur Petrus.” — Joan., cap. i, v. 42.
  4. “Et ego dico tibi quia tu es Petrus et super hane petram ædificabo