Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
66 libro terzo


La nuova scoperta della terraferma, e le profonde osservazioni di Colombo su quelle regioni ignorate, la spedizione delle perle, de’ veli dipinti, e de’ gioielli d’oro procedenti da quelle contrade misteriose, avevano soddisfatta la Regina. Tuttavia non iscrisse punto ella medesima, ma incaricò della risposta il vescovo ordinatore della marina, il quale, nell’accusare a Colombo la ricevuta delle Sue lettere e relazioni, lo biasimò di non avere più presto informato i re della avvenuta ribellione, alla quale, diceva, essi avrebbero prontamente rimediato. Quanto a Ferdinando, non trovava che i risultati di quelle spedizioni avessero sin allora ristorato le anticipazioni del tesoro; e non vedeva nella persona dell’Ammiraglio che una occasione di sterile dispendio; onde prestava compiacente orecchio a’ suoi accusatori.

l malcontenti tornati dall’Hispaniola, o scacciati di là, diffondevano a Siviglia le calunnie che i partigiani di Roldano avevano messe fuori a’ danni del Colombo. Non si può negare che costoro non fossero mossi e suscitati da un interesse medesimo, e non sembrassero eseguire segrete istruzioni. A Siviglia dovevano riscuotere la loro paga arretrata; perocchè solamente a Siviglia potevano effettuarsi validamente i pagamenti per le spese coloniali. Ma pei loro rifiuti o per le loro insinuazioni, gli uffici della marina determinarono una cinquantina di questi infingardi ad andarsene a Granata per chiedervi al Re Cattolico il pagamento dei loro crediti. Quest’impudenti osarono stanziare nel cortile stesso dell’Alhambra, e aspettarvi l’uscita del Monarca per inquietarlo colle loro interpellazioni e col grido pagate! pagate!1 che facevano risuonare dietro la sua carrozza. Anzi un giorno ardirono comprare due gran panieri di uva, formanti la carica di un mulo e porsi a mangiarla sotto le finestre di Ferdinando, gridando, che, la mercè dell’ingratitudine del Re e dell’Ammiraglio, era quello l’unico alimento permesso alla loro miseria. Quando, per caso, comparivano i

  1. Se il Re Cattolico usciva fuori tutti lo circondavano e toglievanlo in mozzo, gridando “paga, paga.” — Fernando Colombo, Vita dell’Ammiraglio, cap. lxxxv.