Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume I (1857).djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 libro primo

di Altamira ed anche il sindaco di Toledo Gomez Manrique, vivevano in palese familiarità colle Muse.

La preoccupazione contro l’attitudine letteraria delle donne ebbe a cedere vinta all’ammirazione che suscitava l’esempio della Regina. Divenute in breve in iscienza emole de’ gran signori, alcune belle dame li superarono nella poesia.

Dona Lucia di Medranno, commentando pubblicamente i classici a Salamanca, uguagliava i successi di Francesco di Lebrija, di cui l’Università di Alcala ammirò la eloquenza. Isabella Vergara, e dona Maria Pacheco erano egualmente dotte. La cronaca di Giovanni Vaseus asserisce che v’erano allora moltissime donne versate nelle letterature latina e greca, oltre le celebri sorelle Luigia e Angela Sigea. Angela, latinista elegante, iniziata all’arte musicale, suonava diversi stromenti. Luigia, per lo contrario, si limitava alla linguistica; ma vi era così eccellente, che potè indirizzare a papa Paolo III una lettera in cinque lingue: il latino, il greco, l’ebraico, l’arabo e il siriaco eranle familiari.

Nondimeno ciò che la Regina pregiava più assai del sapere e delle delicatezze dello spirito, era la purezza, la rettitudine dei principii, e una illuminata pietà.

Ella fissò accuratamente l’ordine delle preminenze, regolò l’etichetta, ne determinò le leggi, l’eccezioni, e ne impose strettamente l’osservanza. Sapendo che l’esempio deve venir dall’alto, non ammetteva al servizio della sua casa che donne di una riputazione più pura ancora del loro sangue; lavorarono in comune, avendo in palazzo abitazione e mensa: la loro conversazione formava il cuore, e ornava lo spirito delle donzelle di alti natali che Isabella raccoglievasi intorno per prima educarle, indi maritarle secondo l’occasion favorevole.

U tempo della Regina era distribuito con sì abile economia, che, dopo di aver presieduto il consiglio de’ ministri, data udienza, riveduti i processi, conferito cogli ambasciatori, lavorato coi suoi intendenti e segretari, soddisfatto agli esercizi di pietà, vegliato all’educazione de’ propri figliuoli, ella trovava ancor agio di cucire le biancherie del re Ferdinando. Lunge d’aver a vile i lavori d’ago, avvezza com’era ad addentrarsi nell’antichità profana, e nello studio de’ libri santi, ella confessava con una