Pagina:Cronica de matematici.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88

[1372]RUGGIERO Suissetto Inglese scrisse un libro de Calcoli Astronomici, uno de Calcoli Matematici, uno dell’Effemeridi, & uno dell’arte cabalistica.

[1372]LODOVICO Rigio, ò Regio scrisse gl’Aforismi Astrologici al Patriarca di Costantinopoli, che s’hanno stampati in Norimberga.

[1372]PAVOLO Fiorentino, cognominato il Geometra, fù gran Geometra, Aritmetico, & Astrologo. Attese alle Teoriche, e di sua mano fecene eccellentissimi Instrumenti. Scrisse anco nelle dette professioni. Morendo fù sepolto in Fiorenza nella Chiesa di S. Trinità, & honorato d’una bella sepoltura, & epitafio.

[1397]HENRIGO d’Hassia di natione Tedesco nato in Langestein diede opera alle scienze nello studio di Parigi, compagno di Giovanni Lignerio, di Giovanni di Sassonia, e di quegl’altri. Fù buon Teologo, e scrissene molti volumi. Mandò fuori un libro contro gl’Astrologi giuditiarii. Scrisse le Teoriche de Pianeti, & altre opere. Si trovò all’erettione dello Studio di Vienna, chiamato alla lettione delle Matematiche. Morì in Vienna, e fù sepolto nella Catedrale con Henrigo d’Oita suo Collega.

[1400]LEONARDO, che dalla Patria fù


det-