Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 saggio storico


Per questo articolo infatti fu condannata a morte la sventurata Sanfelice. Essa non avea altro delitto che quello di aver rivelato al governo la congiura di Baccher, quando era sul punto di scoppiare. Niuna parte avea avuta né nella rivoluzione né nel governo. Questa operazione le fu ispirata dalla piú pura virtú. Non potè reggere all’idea del massacro, dell’incendio e della rovina totale di Napoli, che i congiurati avean progettata. Questa generosa umanitá, indipendente da ogni opinione di governo e da ogni spirito di partito, le costò la vita; e fu spinta la ferocia al segno di farla entrare tre volte in «cappella», ad onta della consuetudine del Regno, la quale ragionevolmente volea che chi avesse una volta sofferta la «cappella» aver dovesse la grazia della vita. Non ha sofferta infatti la pena della morte colui che per ventiquattr’ore l’ha veduta inevitabile ed imminente? Eppure, rompendosi ogni legge di pietá, ogni consuetudine del Regno, la sventurata Sanfelice, dopo un anno, fu decollata senza delitto!

«Coloro che erano ascritti alla sala patriotica, benché colle loro mani istesse avessero segnata la loro sentenza di morte (non si comprende perché: un’adunanza patriotica è un delitto in una monarchia, perché è rivoluzionaria; in un governo democratico, è un’azione indifferente), pure Sua Maestá, per la sua innata clemenza, li condanna all’esilio in vita colla perdita de’ beni, se abbiano prestato il giuramento; quelli che non l’hanno prestato, sono condannati a quindici anni di esilio».

«Finalmente coloro, i quali avessero avute cariche subalterne o non avessero altri delitti, saranno riserbati all’indulto che Sua Maestá concederá». Questo indulto fu immaginato per due oggetti: il primo era quello di far languire un anno nelle carceri coloro che non aveano alcun delitto. — Mio figlio è innocente — diceva una sventurata madre a Speziale. — Ebbene — rispondeva costui, — se è innocente, avrá l’onore di uscir l’ultimo. — Il secondo oggetto era quello di condannare almeno nell’opinione pubblica, con un perdono, anche coloro che per la loro innocenza doveano essere assoluti.