Pagina:Cuore.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Il ragazzo rispose con un altro grido disperato: - Mia madre è morta!

Il medico comparve sull’uscio e disse: - Tua madre è salva.

Il ragazzo lo guardò un momento e poi si gettò ai suoi piedi singhiozzando: - Grazie dottore!

Ma il dottore lo rialzò d’un gesto, dicendo: - Levati!... Sei tu, eroico fanciullo, che hai salvato tua madre.



24, mercoledì

Marco il genovese è il penultimo piccolo eroe di cui facciamo conoscenza quest’anno: non ne resta che uno per il mese di giugno. Non ci son più che due esami mensili, ventisei giorni di lezione, sei giovedì e cinque domeniche. Si sente già l’aria della fine dell’anno. Gli alberi del giardino, fronzuti e fioriti, fanno una bell’ombra sugli attrezzi della ginnastica. Gli scolari son già vestiti da estate. È bello ora veder l’uscita delle classi, com’è tutto diverso dai mesi scorsi. Le capigliature che toccavan le spalle sono andate giù: tutte le teste sono rapate; si vedono gambe nude e colli nudi; cappellini di paglia d’ogni forma, con dei nastri che scendon fin sulle schiene; camicie e cravattine di tutti i colori; tutti i più piccoli con qualche cosa addosso di rosso o d’azzurro, una mostra, un orlo, una nappina, un cencino di color vivo appiccicato pur che sia dalla mamma, perché faccia figura, anche i più poveri, e molti vengono alla scuola senza cappello, come scappati di casa. Alcuni portano il vestito bianco della ginnastica. C’è un