Pagina:Cuore.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 ottobre.

avevan veduti, e di discorso in discorso, vennero a ragionare dell’Italia. Cominciò uno a lagnarsi degli alberghi, un altro delle strade ferrate, e poi tutti insieme, infervorandosi, presero a dir male d’ogni cosa. Uno avrebbe preferito di viaggiare in Lapponia; un altro diceva di non aver trovato in Italia che truffatori e briganti; il terzo, che gl’impiegati italiani non sanno leggere. ― Un popolo ignorante, ― ripete il primo. ― Sudicio, ― aggiunse il secondo. ― La... ― esclamò il terzo; e voleva dir ladro, ma non poté finir la parola: una tempesta di soldi e di mezze lire si rovesciò sulle loro teste e sulle loro spalle, e saltellò sul tavolo e sull’impiantito con un fracasso d’inferno. Tutti e tre s’alzarono furiosi, guardando all’in su, e ricevettero ancora una manata di soldi in faccia. ― Ripigliatevi i vostri soldi, ― disse con disprezzo il ragazzo, affacciato fuor della tenda della cuccetta; ― io non accetto l’elemosina da chi insulta il mio paese.