Pagina:Cuore.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il direttore. 23

tu il più felice, tu perchè studi e lavori di più, perchè sei più utile a tuo padre e a tua madre, perchè sei più buono, cento volte più buono e più bravo di me, caro compagno mio.


IL DIRETTORE.


18, venerdì.

Coretti era contento questa mattina perchè è venuto ad assistere al lavoro d’esame mensile il suo maestro di seconda, Coatti, un omone con una grande capigliatura crespa, una gran barba nera, due grandi occhi scuri, e una voce da bombarda; il quale minaccia sempre i ragazzi di farli a pezzi e di portarli per il collo in Questura, e fa ogni specie di facce spaventevoli; ma non castiga mai nessuno, anzi sorride sempre dentro la barba, senza farsi scorgere. Otto sono, con Coatti, i maestri, compreso un supplente piccolo e senza barba, che pare un giovinetto. C’è un maestro di quarta, zoppo, imbacuccato in una grande cravatta di lana, sempre tutto pieno di dolori, e si prese quei dolori quando era maestro rurale, in una scuola umida dove i muri gocciolavano. Un altro maestro di quarta è vecchio e tutto bianco ed è stato maestro dei ciechi. Ce n’è uno ben vestito, con gli occhiali, e due baffetti biondi, che chiamavano l’avvocatino, perchè facendo il maestro studiò da avvocato e prese la laurea, e fece anche un libro per insegnare a scriver le lettere. Invece quello che c’insegna la ginnastica è un tipo di soldato, è stato con Garibaldi, e ha sul collo la cicatrice d’una ferita di sciabola toccata alla battaglia di Milazzo. Poi c’è il Direttore, alto, calvo,