Pagina:D'Annunzio - Il libro delle vergini.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 il libro delle vergini

ssurava con una lentezza stanca, socchiudendo le ciglia, come se le venisse meno il respiro. - Dormirei... si... tanto...

Ella si abbandonò su la spalliera: un sopore invincibile le occupava quelle povere vene esauste, le intorbidava la vita.

— Galatea! Galatea!

Le usci un gemito dalle labbra bianche, come un soffio.

— Galatea!


VI.


Fu un lungo letargo. Quando ella apri li occhi ove ancora la nebbia del letargo fluttuava vide la testa calva del padre curva su di lei in un muto atteggiamento di timore e di dolore.

— Dov’è Cesare? - gli chiese con una voce che le moriva nella gola.

— Di là, figlia; con Vinca.

Ella richiuse le palpebre, come per affievolire l’intensità della fitta; le parve che le giungesse come un rumore lieve di risa soffocate.

Vinca e Cesare empivano tutta de’ loro amori e