Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search









UDITE, udite, o figli della terra, udite il grande
annunzio ch’io vi reco sopra il vento palpitante
con la mia bocca forte!
Udite, o agricoltori, alzati nei diritti solchi,
5e voi che contro la possa dei giovenchi, o bifolchi,
tendete le corde ritorte
come quelle del suono tese nelle antiche lire,
e voi, femmine possenti in oprare e partorite,
alzate su le porte,
10e voi nella luce floridi, e voi nell’ombra curvi,
fanciulli loquaci, vecchi taciturni,
o vita, o morte,

uditemi! Udite l’annunziatore di lontano
che reca l’annunzio del prodigio meridiano
15onde fu pieno tutto quanto
il cielo nell’ora ardente! V’empirò di meraviglia;
v’infiammerò di gioia; vi trarrò dalle ciglia
il riso e il pianto.


- 7 -