Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

che gli ellesponti e gli eurìpi,
nel Continente australe,
5173tra fosche incognite stirpi
dall’anima ancóra constretta
nell’inviluppo terrestre
come gli iddii primitivi
dell’Ellade erano ancor misti
agli elementi del Cosmo.
Condotto avea su le notturne
5180correntie la spaziosa
rate carica di tronchi
centenni e mirato il volume
infinito dell’acque
palpitar d’astri qual cielo
irriguo e l’alba levarsi
dai silenzii possente
5187come per un giorno eternale.

Un Ulissìde egli era.
Perpetuo desìo della terra
incognita l’avido cuore
gli affaticava, desìo
d’errare in sempre più grande
spazio, di compiere nuova
5194esperienza di genti
e di perigli e di odori
terrestri. Come le schiave
di Bitinia o di Frigia
recavano in letto corintio
l’indelebile aroma


- 199 -