Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LAUDI DEL CIELO E DEL MARE

7826sien più delicati
del guaime che nasce
nei prati dopo la falce,
più tenui delle prime
foglie che spuntan nel salce,
e più lievi sieno i tuoi passi
che scorrer di talpa sotterra
7833o di lucertola in sassi.

Tu torni e tu tornerai,
come l’aura intermessa
che manca perché va più lungi,
forse sopra un letto di musco,
forse in una tremula stanza
di capelvenere, forse
7840dietro una cortina rosata
di madreselva, a vestirsi
di freschezza novella
da recare a colui che l’ama.
Il mio cor non ti chiama
né ti attende. Tu repentina
entri e mi guardi con occhi
7847negri d’un negrore velluto
come quel degli occhi onde occhiuto
è il fior della fava nel mese
di marzo tra pioggia e chiarìa.
E tu m’assempri l’iddia
parrasia, Carmenta dai lunghi
riccioli, che portava
7854ghirlande di foglie di fava.


- 292 -