Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE

rapina,
l’acerbo suo tesoro
oblìa nella melode.
95E anch’ella si gode
come l’onda, l’asciutta
fura, quasi che tutta
la freschezza marina
a nembo
100entro le giunga!

Musa, cantai la lode
della mia Strofe Lunga.



LA CORONA DI GLAUCO.

melitta.
FULGE, dai maculosi leopardi
vigilata, una rupe bianca e sola
onde il miele silentemente cola
quasi fontana pingue che s’attardi.

5Quivi in segreto sono i miei lavacri
dove il mio corpo ignudo s’insapora
e di rosarii e di pomarii odora
e si colora come i marmi sacri.


- 153 -