Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO

Non mai più fervente rossore
75veduto avean gli occhi miei grandi,
e tutta la mia vita tremava
dalle radici
come s’io mi svenassi
sul sacro tuo suolo
80con vene giganti.
E l’anima, che si dipartiva,
impetuosamente
verso di te si rivolse, incesa
da dolor rovente
85ch’ella udì stridere come
tizzo in piaga viva;
e tutta verso di te protesa
era, gridando il tuo nome
al fulgor vermiglio,
90dal carro strepitoso
che la traeva in esiglio.
E intollerabile male
tra tutti i suoi mali
a lei parve la sua dipartita;
95sentì la sua vita
spoglia d’ogni forza e senz’ali,
pallida e senza riposa
piegata su l’acre ferita,
ahi, mirò sé stessa lontana.


- 40 -