Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE

Ecco l’isola molle
intra du’ Arni,
cuna di carmi,
ove cantano l’Estate
30le canne virenti
ai vènti
in varii modi,
non odi?
quasi di nodi
35prive e di midolle,
quasi inspirate
da volubili bocche
e tocche
da dita sapienti,
40quasi con arte elette
e giunte insieme
a schiera,
su l’esempio divino,
con lino
45attorto e con cera
sapida di miele,
a sette a sette,
quasi perfette
sampogne.
50Ecco l’isola di Progne.


- 63 -