Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 139

vano discesi da una luna di leggenda.

Così la mia febbre scemava, cadeva.


Oh, portatemi uno dei miei cani, posatemelo sul letto contro i miei piedi congiunti, lasciate che stanotte resti con me!