Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152 notturno

umida. Anche la mia faccia china si sentiva tinta d’oltremare; anche le mie mani si facevano azzurrìcce.

«Ma che cerchi? che cerchi?»


Avevo scoperto un ciuffo di violette.