Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 185



«Vengo. Chi mi chiama?»

Cinque anni d’esilio nell’estremo Occidente, sul dosso pinoso di una duna oceanica: un lungo ordine di giorni e di opere, una lunga pazienza, una lunga attesa.

Come l’amore di mia madre non seppe mai scorgere nella mia faccia la lesione del tempo e della vita, così il mio amore serbava di lei una imagine spiritale e tutelare dove la luce attenuava le fattezze senza confonderle.

Anche la malattia non m’appariva se non come un modo mistico di affinamento, se non come un mezzo ascetico di santità. E non indovinavo da lontano quel che per compassione m’era celato.



Non ho mai avuto paura di soffrire. Di tanta resistenza mia madre mi