Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xv. 219

il campione dell’onore italiano! ecco il glorioso fine della battaglia, delle braverie e dei vanti che n’abbiamo menati! eppure in faccia a Dio, dov’è il mio delitto? potevo fare altrimenti che non ho fatto?

Ma queste ragioni eran ben lungi dal recargli sollievo, e pensava;

— E a chi racconterò questa storia? a chi dirò le mie ragioni? ed anche dicendole non parrà vero ai nemici poter fingere di non crederle, e dire: Ettore immaginò queste ciance perchè avea paura di noi.

Mentre con queste immaginazioni s’agitava la mente, il veleno pur troppo innestatogli dal pugnale di D. Michele faceva progressi serpendogli per le vene che si diramano sulla superficie del cranio, e a gradi a gradi si sentiva intorbidare la vista ed il lume dell’intelletto con uno stiramento alle tempie pel quale gli pareva veder tutti gli oggetti prima traballare, poi dar volte sempre più rapide, sparse di punti lucidi che l’abbagliavano. Zoraide gli stava ritta accanto guardandolo tutta sgomentata e tremante, ed Ettore le teneva in viso gli occhi aperti e fissi. E con quella vacillazione di sensi, al debol chiarore del lumicino che andava morendo, vedeva progressivamente scomporsi le fattezze della giovane e i suoi lineamenti mutarsi in quelli di La Motta: questa larva stirando gli angoli della bocca formava un riso amaro e spaventevole; andava ingrossando e dilatando le labbra, e n’usciva la forma di Grajano d’Asti, che da piccolo a poco a poco cresceva, e spalancate anch’esso le fauci in egual modo, produceva la pallida sembianza del Valentino: così queste forme nascendo l’une dall’altre presentarono come una fantasmagoria di quei personaggi che dovevano a quell’ora star più spiccatamente dipinti nella mente dell’infermo. Fra l’altre venne anche l’immagine di Ginevra alla quale, chiamandola a nome con parole caldissime d’amore, diceva: Lasciarmi morir così! io che t’amai