Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 ettore fieramosca

mento che la mano di Dio adopra per la vostra salute. Anch’io son peccatore, lo fui, fui tanto sciagurato e cieco da cercar nelle creature la pace del cuore. Dio mi chiamò; seguii la sua voce nell’amarezza da prima; ma poi, qual ricco compenso non m’ha accordato la divina bontà pel piccolo sacrificio? Qual tranquilla allegrezza di amare ed esser certi d’un contraccambio eterno ed immenso? Oh! credete a me, anima benedetta! che son uomo e peccatore più di voi, e ne sono stato alla prova, tutto è fiele, incertezza e tenebre, fuorchè amar Dio, servirlo, e sperare nelle sue misericordie.

— Oh sì, disse Ginevra interrompendolo, e dando in un pianto dirotto; m’avete aperta la mente e m’avete vinta: sì, perdono, e perdono con tutta l’anima, e ne darò prova. Venga colei; che la veda prima di morire, e l’abbracci; e vivano felici insieme, come spero che Dio avrà pietà di me nella vita avvenire.

Cadde ginocchioni il frate accanto al lettuccio, ed alzando al cielo gli occhi e le mani disse: — Variis et miris nobis vocat nos Deus! Adoriamo l’opera della sua misericordia.

E rimasto così un momento orando, s’alzò, benedisse ed assolse la giovane, poi riprese:

— Dunque, veramente siete risolta a veder colei, e far quest’opera di paradiso?

— Sì, padre; fate che venga; sento che ho bisogno di morir perdonando.

— E Dio, ve lo dico in suo nome, già vi ha perdonato, già siete sua; questo santo proposito è il segno della vostra salute.

S’avviava il frate per cercar di D. Elvira. Ginevra lo richiamò.

— Una grazia, disse, mi resta a domandarvi, e non dovete negarmela se volete che muoja in pace.

Quando non ci sarò più, andate al campo francese,