Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Capitolo XIX.


Ad uguale distanza da Barletta e dal campo francese, dove la pianura accostandosi alle colline comincia ad elevarsi, si stende, fra certi monticelli bassi, un piano di circa trecento passi per ogni verso, formato probabilmente da qualche antica alluvione. Il terreno di minuta ghiaja e di sabbia silicea rassodato dal tempo è sgombro d’arbusti e d’erbe, ed offre alla zampa dei cavalli un andar franco e sicuro. Questo era il luogo scelto pel combattimento. Dal giorno innanzi per cura d’uomini mandati dalle due parti, fu livellato ove era qualche ineguaglianza di terreno; fissati i limiti con un solco e con grosse pietre disposte all’intorno; ed all’ombra di grandissimi lecci che crescevano sul ciglio d’un greppo, dal quale si dominava tutto il campo, vennero situati sedili pei giudici, sotto una specie di tenda, a strisce bianche e vermiglie annodata ai rami degli alberi. Avanti a questo tribunale eran piantate in fila alla vista di tutti ventisei lance cogli scudi degli uomini d’arme delle due nazioni, ed i loro nomi scritti a grandi lettere su un cartellone. Dalle terre e ville del contorno la curiosità aveva radunata gran folla di contadini e signorotti di campagna, che prima del levar del sole già si trovavano allogati per l’alture circonvicine. Quelli che fra loro tenevano un certo grado sedean coi vecchi e colle donne sull’erba; gli altri, come ragazzi, poveri monelli, s’arrampicavano su per gli alberi, e mostrandosi qua e là fra le foglie facean contrastare col verde il colore de’ visi e de’ panni.

Bello spettacolo era (specialmente per chi ponen-