Pagina:D'annunzio - Elegie romane.djvu/92

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca