Pagina:Dalle dita al calcolatore.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
9. I SISTEMI OPERATIVI 237

sogno di scriversi i propri programmi: gli basta personalizzare questi prodotti generali, adattandoli alle sue esigenze. Dato che i vari programmi finiscono per equivalersi sul piano della funzionalità, le successive versioni spostano la concorrenza sul piano della sempre maggiore facilità di apprendimento.

Un passo ulteriore è stato realizzato dalla comparsa di prodotti che integrano le varie funzionalità, descritte in precedenza, in un pacchetto unico. Questo permette all’operatore di accedere, dopo aver steso il testo di una lettera, all’archivio dati per recuperare informazioni quantitative; successivamente è possibile passare al foglio elettronico per elaborare i dati e mettere a punto tabelle illustrative, quindi utilizzare la parte grafica per denotare meglio il contenuto delle tabelle, e infine accedere all’archivio indirizzi per far scrivere copie personalizzate del tutto.

Oltre che per il lavoro di ufficio, sono stati realizzati programmi analoghi per l’utilizzo dell’elaboratore in campo musicale, in campo grafico e nel settore hobbistico.

Un settore particolarmente interessante sviluppatosi di recente è quello della telematica: sono stati cioè messi a punto e diffusi programmi e circuiti aggiuntivi che permettono al calcolatore di colloquiare, via cavo telefonico, con banche-dati esterne, anche lontane, e in generale con altri calcolatori dotati di strumentazione analoga.

Mentre i costi delle macchine sono andati decrescendo, per i programmi si è avuto il fenomeno inverso: il loro costo e le loro dimensioni sono cresciuti continuamente, insieme al perfezionamento tecnologico.


9. I sistemi operativi

Questo aumento di costi ha posto rapidamente il problema della compatibilità; diventava cioè impor-