Pagina:Dandolo - La Signora di Monza e le streghe del Tirolo, 1855.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144

solemnia professionis; non denique potuisse profiteri — et, irritata spiritibus suis, contumaciæque magnitudine jecit verbum proprie hoc — se esse maritandam, eumque dandum quem jam ipsa elegisset.

Quatridui inde spatium fuit: et dispositis a Cardinale rebus quæ disponendæ atque agendæ erant, eximitur monasterio mulier, inditaque vehiculo, cum idoneo comitatu, deportatur in urbem, et in monasterio alio collocatur...

Voluerat Cardinalis ipsum quoque comprehendere sacrilegii auctorem, stupratoremque Virginis, immo, quod postea compertum est, contubernii stupratorem; atque in id mandata opportuna dederat; quippe indicia erumpebant, et præsentior quotidie erat res, ac, veluti reductis velis, tota paullatim scena flagitii patescebat; sed ille, vel conscentia stimulante, vel indiciorum metu quæ subinde aperiebant scelus, aufugerat jam, clausaque et vacua domus reperta est. Omnia deinde, in eo negotio, præcipitia ad ignominiam dedecusque, et cladem fuere, ut infelix turpissimusque corruptor exitum etiam haberet infelicem et turpem; mulieres, vero, curruptæ, infaustos post illos turpesque casus, exitu nobilitarentur, qui ipsum nobilitare sæculum id posset.


quando venne serrata in convento, ned avea tocchi gli anni prescritti lorchè fu tratta a professare: perfin questo motto osò lanciare — sè esser nubile, e volersi pigliare chi le fosse piaciuto. —

ln capo a quattro giorni, avendo il Cardinale predisposto quant’occorreva, la Signora vien cavata dal Monastero, e sotto buona guardia traddotta in carrozza a Milano, ad esservi serrata in altro chiostro...

Stava a cuore al Cardinale aversi tra mano anco l’autor primo del sacrilegio, il violatore della Signora, il qual, come fu poscia chiarito, lo era stato anco delle compagne di lei; al qual uopo avea emessi gli ordini opportuni; conciossiachè gl’indìzii traboccavano; la rea trama si faceva sempre più trasparente; e già, rimosso ogni velo, la scellerata tragedia apparia manifesta. Ma quel tristo, o che lo tenesse desto la rimorditrice coscienza, o per induzione che facesse delle difficoltà di star coperto con tanti dati che l’accusavano, già se n’era fuggito; onde chiusa e vuota ne fu trovata la casa. Però gli eventi gli volsero avversi, trascinatolo ad ignominia, e morte tragica: lo sciagurato e turpe corruttore andò incontro a fine turpe e sciagurato, mentre le corrotte dalla lor abbiezione levaronsi a tanto di nobiltà da nobili-