Pagina:Dandolo - La Signora di Monza e le streghe del Tirolo, 1855.djvu/265

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

255


zione apparente di capitali condanne. Tre quarti de’ fatti incriminati eran tali da chiarire in lor autori più leggerezza di spirito, e miseranda manìa che pericolosa scelleratezza: e gli è preferibilmente sull’appoggio di que’ fatti, che, nonostante la luce versata da una difesa improntata di filosofia pratica, spirante equità e buon senso, il Giudice s’indusse a condannare. Ignoranza, pregiudizii, spirito di vendetta, crudeltà, son altrettanti elementi del processo secolare e pubblico che studiammo; risonante degli urli de’ martoriati, tinto del sangue de’ giustiziati, ha suscitato nella nostr’anima un senso di raccapriccio; e appena la scimitarra del carnefice ebb’ella tagliato quel nodo gordiano, che rimovemmo il sinistro volume; lo avevano subìto sin allora come una spezie d’incubo...

Nell’altro processo si tratta di monache: tribunale ecclesiastico lo istruì, e il segreto ne fu così gelosamente serbato, che il migliore Annalista contemporaneo dovette (nonostante che fosse ecclesiastico pur egli) contentarsi, in ricordarlo, delle voci vaghe e incerte che ne corsero. Il fanatismo religioso, del qual è vezzo gratificare il secolo decimosettimo in generale, e la genìa fratesca in particolare favoreggiato ne’ suoi sfoghi dall’impenetrabil mistero alla procedura, inviperito dalla natura stessa dei delitti commessi, sepp’esso improntare le rivelazioni degli atti monzesi e milanesi d’una ingiustizia più evidente, d’una crudeltà più squisita, d’abuso di poteri più ributtanti di que’ che rivelaronci gli atti tirolesi? tutto al contrario: il processo ecclesiastico, e segreto apresi, sviluppasi, chiudesi, senza torture, senza interrogatorii suggestivi, senza confessioni estorte; i suoi procedimenti son probi, uniformi; non foga da principio, non remissione sulla fine; dappertutto un soffio latente di carità cristiana: non vi traspira smania di convincere delinquenti; sibbene brama di conoscere la verità; non al patibolo si voglion cacciar gli accusati, sibbene addurli al pentimento;