Pagina:Danzi - Poesie scelte in dialetto potentino.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 21 —


Sa che pesce ca noi pigliamme
     Si s’affonna la barchetta!
     Gne vurria pò la carretta
     32La triaca p’arracà.
     
Mo parlamme de ati fatte
     Giare truvenn’a li breante?
     Somme noi tutte quante,
     36Ca ngampagna nun gne ne so;

Si, gne sonne; ma so oneste
     A confronto di queddi tali,
     Ca pe fà li libberali
     40Solo pensano d’arrubà.

Mettire li pesi, e nun verire
     Che hamme piglia lu cape a badde?!1
     Si pò nciàmpeca lu cavadde
     44Arrete ntrete hamme da turnà,?

Ca pe noi è meno male,
     Chiù lu guaio sarrà lu voste,
     Chi chiù àvute tene lu poste
     48Chiù l’azzuoppe à da piglia.

Tre a lu monn so li putente:
     Papa, Re, e chi nun ha niente.
     Io so uno di questi tre,
     52Digge la cosa come è;

Alla fine na pedda tiegne,
     Pure la strazza si m’attocca;
     Ma lu diggie cu la bocca:
     56Quanta via ca vuoglio fà!


(1) Alla fine del febbraio del 1863 venne a Potenza una commissione parlamentare per studiare i provvedimenti necessari a distruggere il brigantaggio: di essa facevano parte Sirtori, Saffi, Bixio ed altri.

(2) tatta: padre.

(3) bannaglio: matassa.

  1. hamme piglià lu cape a badde: roviniamo per una china pericolosa.