Pagina:Danzi - Poesie scelte in dialetto potentino.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 47 —



Tutta allegra la padrona,
     Pò cagnaze la canzona,
     Si metteze attorno a iedda,
     Tanta gente poveriedda:

«Abballare, abballare,
     Ferrimene zite e marerare;
     E si non abballare bone,
     Mane’ ve cant e mane’ ve sona.
     
Desse pò: «Da crai da nante,
     Qui è festine pe tutte quante,
     Mo lu balle è tutte nuove,
     Tocca a voi a fa li pruove.

«Nu mannare li ballarmi
     Abbuttare cu li stentini,
     Ca nun sanno chiù che fà,
     A forza qui vonn’abballà.

«Adduntanare li partite,
     Ca ve pigliano d’appetite,
     Questi cose nu gn’anne da esse,
     Ch’è cagnare mo lu prudesse,

«Chi si mèreta de veni,
     Cu piascere l’aspetta qui.
     Gne sò queddi canesciuri,
     Ca qui tornane sicuri;

«Dati boni, si mannare,
     Lu festine è cuncertare:
     Nu fascemme lu sotto e ncoppa,
     Scareamme la mula zoppa;

«Ca si troppo se dà ntesta,
     Po abballamme cu na rapesta;
     E cantamme: Angiolamaria
     Mo se bròscia la massaria!»
              Tricarico 1 ottobre 1882.


(1) Le elezioni generali del 29 ottobre 1882 furono fatte, per la prima volta, con lo scrutinio di lista: questo giustifica il titolo dialettale.

(2) brogna: specie di primitivo strumento musicale che si suona nella bocca.

(3) la pappa e la mbumba: il cibo e la bevanda.

(4) putire: potete.