Pagina:De' matematici italiani anteriori all'invenzione della stampa.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

48

ranei1. S’hanno di lui Tabulae planetarum ad annum 1366, e parecchi trattatelli astronomici ed aritmetici conservati in diverse Biblioteche. De’ quali Guglielmo Libri pubblicò pel primo le Regoluzze; sebbene poi si mostrasse dubbioso se opera fossero del Dagomari, ovvero d’altro Paolo; ma il dubbio non sembra abbastanza fondato2.

Paolo dell’Abaco morì nel 1373, o nel 1374 3, e



  1. L’autore del Trattato di pratica d’aritmetica scrive: «E Maestro paholo dicie nella sechonda parte del Trattato delle quantità continue che ecc.» (Boncompagni pag. 275).
  2. Il Libri attribuì autore di queste Regoluzze la lode d’aver pel primo adoprata la virgola per dividere grandi numeri in gruppi di tre cifre, facilitandone così la lettura. Ma, nota il Boncompagni, ciò si trova fatto anche da Giovanni di Sacrobosco, matematico e astronomo inglese morto nel 1244, o nel 1256. Ed anche Leonardo da Pisa avea suggerito lo stesso spediente: «Unde si contingerit quod aliquem numerum multarum figurarmi propter multitudinem figurarum quis legere vel intelligere nequeat, qualiter legere vel intelligere debeat, ostendere procurabo....... Et sic semper per hos tres numeros, scilicet per millenos, et decem millenos et centum millenos et adcentando millenos in inferiori parte, et centum millenos in superiori, nsque ad ultimum gradum numeri studeat adcentare. Et inde incipiat legere numerum ab ultimo grado ipsius per accenta predicta etc.» Liber Abbaci pag. 3, 4.
  3. «Fu coetaneo di Paolo de’ Dagomari messer Giovanni da Lignano conoscitore de’ moti celesti. Di lui abbiamo una particolarissima memoria, cioè un Tipo della congiunzione di Saturno e di Giove nello Scorpione. ..... Questi pure era un astrologo, che si abusava dalla cognizione de’ moti celesti per predire gli avvenimenti che certo co’ moti delle stelle non hanno la minima connessione.» Ximenes, Introd. al Gnom. Fiorent. part. ii §. 7 pag. LXVII. Anche è da riferire a questi tempi Giovanni de’ Danti Aretino