Pagina:De Amicis - Il romanzo d'un maestro, Treves, 1900.djvu/265

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL ROMANZO D’UN MAESTRO

II.



IN UN’ISOLA.


Uscito dall’uffizio del provveditore, non avendo più tempo di ritornare ad Altarana in giornata, il maestro decise di rimanere a Torino fino alla mattina seguente, e subito si diresse verso corso Palestro per andare a visitare il suo artigianello. Ma un incontro inaspettato gli fece ritardare la visita.

Sboccato appena da via della Cernaia sul corso, vide uscire dalla porta dell’istituto e venir verso di lui una signora, la quale, alla distanza d’un trenta passi, fece l’atto di riconoscerlo e affrettò il passo, sorridendo.

Il giovane non la riconobbe che quando le fu vicinissima: era sua cugina. Era più bella di quando l’aveva vista a Pilona, benchè fosse ancora dimagrata. Aveva un vestimento un po’ strano, una camicietta rosea, delle penne di bersagliere sul cappello; e con quelle penne e con quel colore e con la vivacità allegra di tutta la persona pareva l’immagine vivente del bel tempo primaverile che brillava tutt’intorno.

A tutti e due scappò ad un tempo la stessa domanda: — Come sei qui?

La cugina stava a Moncalieri in casa d’una sua antica compagna della Scuola normale: era venuta a Torino per la morte d’una parente lontana, e aveva approfittato dell’occasione per andar a vedere i due piccoli cugini; dei quali diede al maestro buone notizie.

— Ma tu come sei qui? — gli ripetè; e al vedere

Il romanzo d’un maestro. — II. 1